REGISTRATI
 
 

 

 

 

una passeggiata nel deserto

Renata con Namek

Gadames

Gadames

Gadames

Gadames il tipico pozzo

Gadames

Gadames

Gadames

Gadames

Gadames

interno di una moschea a Gadames

Gadames

Gadames

Gadames

Gadames

la moschea di Gadames

Nalut

Nalut

Nalut

Nalut

Nalut

Nalut

Nalut

Nalut

Nalut

cirene

 
   
   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UN ANGOLINO DELLA TERRA SANTA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                          

 

 

                                                IRAN

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                     SUD.AFRICA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ù

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALLA SCOPERTA DEL MALI

 

 

 

 

  Leggendo in un deplian che  Il Mali è il gioiello sulla corona dell’Africa occidentale, una destinazione che possiede tutti gli ingredienti per soddisfare le esigenze d’ogni viaggiatore, una parte d’Africa  lontana dal mare, ma dove non si trova solo il deserto e il sole, ma anche splendide strutture architettoniche, coloratissimi mercati, un paese che vive sulle sponde del Niger e perché non visitarlo allora! Decidiamo di partire, siamo una bella comitiva tutti amanti dell’Africa, ma sicuramente la più motivata ero io

. Prima Tappa Roma Casablanca, quando scendo dall’aereo sono pervasa da uno strano brivido, sono in terra africana nuovamente, ho pensato, cerco di mostrare la mia felicità ai compagni di viaggio, ma non possono comprenderla. Con grande nostra fortuna abbiamo la giornata a disposizione per visitarla, la cosa più bella la moschea e il suo grandissimo piazzale, praticamente come grandezza e’ la seconda dopo quella della Mecca.  

 

                                                                                                                     

 

L’indomani  sera ci aspetta il volo Casablanca Bamako dopo 4 ore giungiamo in Mali! Ormai è notte, all’aeroporto ci attende la nostra guida locale “Buba” che ci ha coadiuvato nel disbrigo delle pratiche necessarie  per muoverci liberamente nel paese  e che abbiamo seguito e apprezzato tutti i suoi consigli per tutti i 15 giorni  durante tutti i nostri spostamenti dandoci un valido aiuto e supporto,. dopo aver sbrigato tutte le pratiche ci accompagna in albergo Sveglia all’alba dobbiamo raggiungere la piccola cittadina di Segou , durante  il tragitto  incontriamo i vari villaggi agricoli abitati dai Bambara e Bobo dove si tengono i vivacissimi mercatini,. Quello che mi colpisce maggiormente è la gente e sopratutto i bambini che per loro l’arrivo dei turisti è una grande festa , perché portiamo tante cose, biro, matite,block notes, caramelle e persino fazzolettini e salviettine umide, bimbi scalzi mal vestiti sporchi, ma con il sorriso sulle labbra felici, forse vogliono darci una lezione di vita ho pensato tante volte fra me e me . qualcuno con il ventre gonfio dovuto sicuramente a mal nutrizione e tanti con infezioni al naso e agli occhi, avrei voluto fare qualcosa per loro, ma ero e mi sentivo  impotente.   

Giungiamo a Segou, piccola cittadina con case di terra e paglia sulle sponde del fiume Niger  dove scorre lentamente la vita della città, nel piccolo porticciolo piroghe cariche di ceramica, pesce, per il commercio uomini e donne che si lavano, lavano le caprette,  qualcuno fa anche il bucato, praticamente il fulcro di questa  piccola cittadina è proprio il Niger. .Ci fermiamo l’intera giornata, l’albergo che ci ospita  non è il massimo, forse il migliore, ma dobbiamo pensare che ci troviamo proprio in Africa nera. 

Il giorno seguente sveglia  all’alba, purtroppo sarà così tutti i giorni in quanto abbiamo abbastanza chilometri da fare per poter raggiungere tutte le cittadine e visitare tutti gli angoli più importanti. Dobbiamo raggiungere la cittadina di Djennè  soprannominata “la regina del delta” ed è pure elencata fra i siti dei patrimoni  dell’umanità  Per raggiungerla attraversiamo su una grande chiatta il fiume Bani  affluente del Niger L’architettura religiosa e anche civile  è unica: infatti conserva ancora oggi, immutato, il sapore della tradizione. La sua Moschea è il più grande edificio del mondo costruito con il fango, ci appare come un’immaginazione fiabesca, sembra un disegno  di un bambino, ai piedi di essa ogni lunedì si svolge l’animatissimo e pittoresco mercato, uno dei più spettacolari dell’Africa occidentale, e fortunatamente  giungiamo proprio di lunedì.

La moschea certamente è la più nota dell’Africa occidentale con la sua caratteristica facciata ornata di colonne e ripartita da tre massicci minareti, è il più grande monumento costruito in “banco” , un impasto di argilla, paglia e sterco, ogni anno dopo la stagione delle piogge devono ricostruirla.

 

 Il nostro tour continua girovagando per le strette viuzze in terra battuta, cogliamo gli attimi di vita quotidiana  delle donne e dei bambini sempre sorridenti, non appena ci vedono e capiscono che siamo  turisti ci  raggiungono chiedendoci “cadeau”  regalo, in cambio di una foto  si accontentano di qualsiasi cosa possiamo offrire loro anche una semplice caramella Ci siamo anche imbattuti in gruppi di ragazzini intenti a scrivere su tavolette di legno i capitoli del corano che dopo imparano a memoria. Quanta miseria, ma nonostante tutto tanta allegria e sulle loro labbra non manca il sorriso che siano uomini donne o bambini, questa veramente è una lezione di vita che dobbiamo imparare

L’albergo che ci ospita è ancora più fatiscente di quello di Segou, ma per fortuna non ci manca lo spirito e cerchiamo di adattarci nel miglior modo possibile, e soprattutto di convivere con i geghi sulle parti e le ranocchie che saltellavano  qualcuno aveva anche la compagnia di qualche scartafaccio forse il pensiero che le notti successive avremmo dormito in tenda ci rincuorava, in quanto dovevamo adattarci anche con i servizi igienici…….. .

I giorni successivi erano dedicati alla visita dei villaggi Dogon

 

 I Dogon  vivono sparsi nei numerosi villaggi della Falesia, fascia rocciosa,  di Bandiagara, zona che è stata dichiarata patrimonio dell’umanità dall’Unesco per la sua importanza culturale. I loro villaggi sono incastonati sulle  pareti rocciose  e per raggiungerli veramente un impresa ardua, predomina il colore della terra e un grande silenzio interrotto ogni tanto dalle voci dei bambini, durante il nostro precorso abbiamo più volte incontrato le donne  che si recavano al pozzo per attingere l’acqua.

Vivono d’agricoltura coltivando miglio sorgo e cipolle, ma anche di turismo basta uscire dall’albergo  che subito ti vengono incontro a offrirti il loro artigianato locale dalle tipiche porte in legno dei granai scolpite, alle statuette di ebano ,maschere collane.

 

   Le maschere sono il simbolo più espressivo della fede dei Dogon, sono usate durante le cerimonie durante l’escursione in un villaggio grazie alla nostra guida “Buba” siamo riusciti  ad assistere ad una loro danza rituale.

 

 

In questi due giorni certamente abbiamo  dovuto adattarci dormendo in tenda  perché era impossibile trovare  hotel, ma è stato emozionante addormentarsi sotto le stelle e svegliarsi alle prime luce dell’alba per vedere il sorgere del sole, alcuni miei compagni di viaggio oltre a penne, matite  e quaderni hanno portato  anche dei capi di vestiario per i bambini con l’aiuto della nostra guida siamo riusciti ad andare a portarli e visitare una scuola locale.

 

Terminata la visita ai bellissimi villaggi dei Dogon, ci dirigiamo verso Mopti   chiamata la Venezia del Mali, qui finalmente dormiremo in un albergo, in un bel letto e con i desiderati servizi igienici e soprattutto una bella doccia che in questi giorni purtroppo era impossibile fare! Oltre a tutte queste comodità,  sorpresa nell’albergo troviamo anche una bellissima piscina, ovviamente dopo esserci sistemati un bel tuffo ristoratore ci voleva!  Dopo di che una visitina alla città al suo mercato, un bel pranzetto sul porto che praticamente è il crocevia degli scambi commerciali del Mali.

 

 

Finalmente dormiamo comodamente in un letto con tanto di aria condizionata!!! L’indomani come al solito la sveglia all’alba, dobbiamo partire molto presto, prossima meta Timboctou ci aspettano ancora due notti  in tenda sulle sponde del Niger.

Ci imbarchiamo all’alba sulla piroga, l’acqua ha preso il posto della terra rossa e delle strade sconnesse , seduti sui cuscini delle panche non ci rimane che ammirare il via vai delle piroghe che si incrociano e  paesaggi dei pescatori, le donne chine che lavano i panni e i bimbi sempre sorridenti che si salutano. Ogni tanto ci fermiamo per visitare qualche villaggio e anche per sgranchirci le gambe.  Ogni qual volta ci fermavamo i bambini e anche gli adulti ci venivano incontro per chiederci qualcosa, si accontentavano delle nostre bottiglie di plastica vuote quando non avevamo nulla da offrire loro.

 

 

Sulla piroga avevamo anche dei bravi cuochi  ovviamente dovevamo accontentarci di quello che offriva il mercato locale, il nostro angelo custode come ormai  lo chiamavano “Buba” aveva acquistato dell’ottimo pesce dai pescatori , prima di imbarcarci aveva pensato a fare une bella provvista di ottime angurie e coucous , non siamo morti di fame. All’imbrunire ci siamo  fermati in un campo per montare le nostre tende e la cucina per poter cenare, la prima sera siamo stati abbastanza fortunati perché non c’erano tante zanzare, ma la seconda dovevamo stare attenti a non essere divorati, per cui abbiamo cenato sotto la pallida luce delle stelle e della luna  che romantico!!!!

 

Alle prime luci dell’alba eravamo  tutti svegli pronti per la colazione e per  affrontare un’altra giornata di navigazione dobbiamo raggiungere Timboctu  prima di sera la nostra prossima meta: il deserto! Ormai non ci resta che ammirare nuovamente il traffico sul fiume e fermarci in qualche villaggi per le provviste !

 

Finalmente dopo tante ore ormai è tardo pomeriggio arriviamo, al porto troviamo ad attenderci i nostri autisti  che ci condurranno nel deserto, non posso descrivere la mia emozione, io che sono nata in terra africana dopo tanti anni ritrovarmi  nel deserto, toccare quella sabbia camminare sulle dune, i Touareg  ci aspettavano, anche per loro l’arrivo dei turisti è sempre un occasione per mostrare il loro artigianato, la cosa che mi ha stupito e che ormai conoscevano molto bene l’italiano, sono anche pronti a darci una mano per montare le tende

 

Gli stessi Tuareg ci hanno preparato dell’ottimo couscos  abbiamo cenato in compagnia loro sotto la pallida luna  attorniati da un bel fuoco che loro stessi avevano acceso! Stanchi della nostra giornata ci siamo ritirati nelle nostre tende.

La Mattina  mi sono svegliata all’alba giusto per poter fotografare il sole che sorgeva fra le dune del deserto, dopo una lauta colazione a base di the  alla menta ci siamo preparati per affrontare la giornata  prima di recarci a Timbouctu abbiamo fatto un giro fra i vari accampamenti dei Tuareg.

In tarda mattinata arriviamo a Timbouctu , la città che rappresentava un mito per gli esploratori europei, che conoscevamo come la città dell’oro, adesso purtroppo è una città molto decadente dai fasti in cui era il  centro del commercio dell’oro, infatti grazie alla sua posizione era un ottimo punto di scambio tra il trasporto fluviale e quello di terra.

Girovaghiamo nelle strette viuzze non asfaltate anche qui i bimbi ti vengono incontro sempre con il loro sorriso l’architettura delle moschee è identica a quella di Djennè.

 

Nel tardo pomeriggio arriviamo in Hotel, dall’esterno sembrava abbastanza accogliente ma all’interno ……il peggiore di tutti

Forse forse rimpiangevo la mia tenda, ma per fortuna avevo il mio sacco a pelo e  l’ho preferito alle lenzuola, non  c’erano bestie strane , unica cosa positiva che sono riuscita a farmi una doccia, ma non ho chiuso occhio tutta la notte non vedevo l’ora che arrivasse mattina, dovevamo essere svegli all’alba perché ci attendeva il volo che ci avrebbe portato a Bamako.

Su quel piccolo aere avevo un po’ di paura, ma sono riuscita a chiudere gli occhi e farmi un piccolo sonnellino ristoratore.

A Bamako ci aspettava il nostro pulmino, era l’unica città che non avevamo ancora visitato,per cui il nostro angelo custode Buba ci ha portato in giro, abbiamo visitato il museo dove finalmente ci siamo seduti in un buon ristorante, ormai stanchi un po’ tutti di mangiare riso, cuouscus  pesce e pollo, ma il mercato locale non offre altro. Dopo di che siano andati al mercato a fare gli ultimi acquisti di souvenir , eravamo tutti  un po’ stanchi e distrutti, ormai il nostro tour era terminato, ci aspettava il viaggio di ritorno abbastanza lungo.

Posso dire che questo viaggio mi ha dato  una lezione di vita non indifferente, noi che viviamo nel lusso, con tutti i confort, non siamo mai contenti, al contrario di quella gente sulle loro labbra non manca ai il sorriso e cosi’ pure nei loro occhi!!!!

 

Adesso vi presento i nostri 2 angeli custodi che ci hanno seguito  durante  tutto il viaggio Nicola  la guida del tour operator e Buba

Va un grazie per la loro pazienza e bravura.

 

 

Nazareth la chiesa dell'annunciazione

Approvazione del papa

Interno della cupola della chiesa di Nazareth

Nazareth la chiesa dell'annunciazione

Nazareth particolare della chiesa dell'Annunciazione

Nazareth la fontana di Maria

Nazareth

Nazareth Interno della chiesa

Gerusalemme

Giordano

Giordano

Cana

Cana

chiesa delle Beatitudini

Chiesa dei Gestemani

orto dei gestemani

Orto dei Gestemani

Orto dei Gestemani forse l'ulivo piu' vecchio

Ingresso ai Gestemani

Panorama

Vista sul Mar Morto

Panorama

Masada

Nazareth la grotta di S. Giuseppe

Gerusalemme

questa foto vi fa capire la pieta che copriva il santo sepolcro

Gerusalemme cimitero ebraico

Gerusalemme

Gerusalemme

Nazareth la fontana di Maria

Gerusalemme

Gerusalemme il muro che divide Betlemme

Gerusalemme una via

Gerusalemme la porta di Re Erode

Gerusalemme la porta Damasco

Gerusalemme una via

Gerusalemme una via

Gerusalemme

Gerusalemme il Santo Sepolcro

il santo sepolcro

Gerusalemme la colonna dove fu frustrato nostro Signore

Gerusalemme il posto in cui fu rinchiuso Gesu' prima di essere crocefisso

La chiesa dove è nato S;Giovanni

Chiesa ortodossa

il lago di Tiberiade

il lago di Tiberiade

Il Santo sepolcro

Masada

Masada

Masada

Tabor

la chiesa del Monte Tabor

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alba nel deserto

Tramonto sul Niger

Djennè

Villaggi Dogon

Abitazioni Dogon

Djennè

costumi tipici

Moshea a Djennè

vita sul Niger

Villaggi Dogon

villaggi Dogon

bimbi sul Niger

Bimbi che pregano

scuola coranica

Donne nel villaggio Dogon

villaggio Dogon

maschere dogon

maschere dogon

maschere dogon

Mopti moschea

Imbarcazione sul Niger

Niger

vita sul Niger

Paesaggio del Mali

Donne sul fiume Niger

Niger

piroghe sul Niger

un tramonto sul Niger

la nostra guida sulla piroga

il nostro pasto sul Niger

vita sul Niger

Tramonto sul Niger

sosta sul Niger

Una bellissima Bimba sul Niger

bimbi sul Niger